Beneficiari

 
La scelta dei Beneficiari - cioè delle persone cui va il capitale in caso di morte dell'Assicurato - è un argomento importante in una polizza vita: quanto segue vale sia per ONLIFE, sia per altre Compagnie.
 
Innanzitutto, il Contraente può scegliere liberamente uno o più Beneficiari (in parti uguali tra loro o no): i capitali erogati di una polizza vita per Legge NON RIENTRANO automaticamente nell'asse ereditario. Pertanto si possono scegliere Beneficiari UGUALI o DIVERSI dagli eredi legittimi, a libera scelta. Inoltre i Beneficiari possono essere specificati già nella stipula del contratto, ma possono essere cambiati come e quando si vuole, anche nel testamento. In quest'ultimo caso non è nemmeno necessario comunicarlo alla Compagnia. Un valido consiglio è specificare i Beneficiari correttamente fin dall'inizio, e cambiarli in futuro solo se necessario.
 
Dei molti modi validi per specificare i Beneficiari (es.: i figli, la moglie, etc.), quello più sicuro è NOME, COGNOME e CODICE FISCALE: questa designazione è precisa e non si presta mai a contestazioni. 
 
Se si desidera dividere tra più beneficiari (ad es. due figli), di solito si annota: "i sigg. X e Y in parti uguali tra loro". In mancanza di annotazione si intende comunque "in parti uguali".
 
Ovviamente è possibile indicare anche minorenni o interdetti, ma se ci si fida pienamente di un parente adulto o di una persona cara, meglio indicare questa; il pagamento di un importo a un minorenne richiede comunque qualcuno che ne eserciti la potestà al momento della liquidazione del sinistro. Il suggerimento è di indicare i figli minorenni solo nel caso sia veramente indispensabile farlo.
 
Attenzione al caso di "co-morienza": se il Beneficiario morisse anche lui insieme all'Assicurato, ad es. in uno stesso incidente automobilistico o aereo, il capitale andrebbe esclusivamente agli eredi del Beneficiario stesso, non agli altri eredi dell'Assicurato (ammesso che siano diversi). Per evitare ciò, la dizione usata di solito è la seguente: "Beneficiario del contratto è il sig. X oppure, in caso di sua mancanza, il sig. Y (oppure i sigg. Y e Z)". In questo modo è l'Assicurato a decidere chi riscuoterà il capitale in caso il Beneficiario principale non ci fosse.
 
Tutte le Compagnie usano come Beneficiari gli eredi legittimi/testamentari salvo diversa indicazione esplicita. Così fa anche ONLIFE: in alto nell'ultima pagina del preventivo personalizzato sul sito web si può sovrascrivere con nomi, cognomi e codici fiscali la dizione proposta di "eredi legittimi/testamentari"   (vedere la diapositiva n. 5 della presentazione). E' altrettanto valido modificare la dizione dei Beneficiari con un'Appendice: per ottenerla, basta mandare a ONLIFE una e-mail con numero di preventivo personalizzato e i nomi e i codici fiscali dei Beneficiari scelti.